What Does the Research Say about Reflexology?

 

Research studies in the U.S. and around the world indicate positive benefits of reflexology for various conditions. In particular, there are several well-designed studies, funded by the National Cancer Institute and the National Institutes of Health that indicate reflexology's promise as an intervention to reduce pain and enhance relaxation, sleep, and the reduction of psychological symptoms, such as anxiety and depression. Perhaps the most beneficial results have been in the area of cancer palliation (Ernst, Posadzki, & Lee, 2010).

Kunz and Kunz (2008) have developed a summary of 168 research studies and abstracts from journals and meetings from around the world. Many of these studies originated in peer-reviewed journals in China and Korea. All of the studies had information about the frequency and duration of the reflexology application.

Based on the studies they reviewed, Kunz and Kunz identified four primary effects that reflexology demonstrates:

  1. Reflexology has an impact on specific organs (e.g., fMRI readings demonstrated an increase in blood flow to kidneys and to the intestines)
  2. Reflexology can demonstrate an amelioration of symptoms (e.g., positive changes were noted in kidney functioning with kidney dialysis patients)
  3. Reflexoogy creates a relaxation effect (e.g., EEGs measure alpha and theta waves, blood pressure was decreased, and anxiety was lowered)
  4. Reflexology aids in pain reduction (27 studies demonstrated a positive outcome for reduction in pain; e.g., AIDS, chest pain, peripheral neuropathy of diabetes mellitus, kidney stones, and osteoarthritis)

Here are some research examples that show reflexology to be effective for a wide variety of health concerns.

Anxiety
Williamson et al (2002) found that both reflexology and foot massage reduced anxiety and depression in postmenopausal women. In addition to this study, see the studies listed under Cancer Treatment.

Cancer Treatment
These studies showed reduction of pain, nausea, diarrhea or constipation, and improved quality of life with reflexology.

  • In a controlled study with 87 patients, Hodgson (2000) found 100% improvement in the reflexology group in quality of life categories of appearance, appetite, breathing, communication (with doctors, family, nurses), concentration, constipation/diarrhea, fear of future, isolation, mobility, mood, nausea, pain, sleep/tiredness. The placebo group reported 67.6% improvement in these categories.
  • Stephenson et al. (2000) conducted a qualitative study in a hospital on 24 patients receiving reflexology with breast and lung cancer. Researchers noted a "significant decrease in pain" for patients with breast cancer. While this was a small sample, the well-controlled research design yielded meaningful results.
  • Milligan et al. (2002) looked at the impact of reflexology on the quality of life of 20 cancer patients. It found quality of life improved through a reduction of physical and emotional symptoms. This is a small sample however.

Kim, Lee, Kang, Choi, and Ernst (2010) reviewed one randomized clinical trial (RCT) and three nonrandomized controlled clinical trials (CCTs), the only studies out of 60 potential studies to meet their criteria of controlled quantitative trials wtih physical or psychological outcomes. The studies showed significant reduction in pain, nausea/vomiting, and fatigue with reflexology, and improved sleep and mood. In short, all four studies suggested beneficial effects of reflexology for women with breast cancer. The problem, according to the authors, is that the flaws in the studies jeopardize the validity of their results. The RCT was rigorous, but because of its study design, it was "unable to demonstrate specific therapeutic effects of reflexology" (p. 329). Kim and colleagues contend that the CCT results suffer from selection bias.

Key to the understanding of these studies, and to the interpretation of all of the studies discussed in this section, is that it is terribly difficult to plan and execute a well-designed study that meets all of the parameters. These authors state that "the main limitations of the included studies were small sample sizes, inadequate control for nonspecific effects, a lack of power calculations, and short follow-up or treatment periods" (p. 329). Given that RCTs are the gold standard, blinding is always an issue. Inadequate blinding and inadequate allocation concealment are factors that could also contribute to selection bias, leading to enhanced treatment effects. The authors also suggest that studies should discuss adverse effects of the treatment, even if there are none. Their final conclusion, based on these four studies, was that there is "insufficient evidence for the effectiveness of reflexology as a symptomatic treatment for breast cancer. The risk of bias in the primary data that exists is high" (pp 329-330).

Cardiovascular System
Frankel (1997) conducted a pilot study to identify the effects of reflexology and foot massage on the physiology of the body, measuring baroreceptor reflex sensitivity and the link between pressure to the feet, as well as the baroreceptors of the heart (neurons).

Results showed that pressure sensors in the feet are linked to the same part of the brain as the baroreceptor reflex. This small, single-blinded study included 24 subjects - 10 received reflexology, 10 received foot massage, and 4 were the control.

Diabetes Type II
Ying (1998) conducted a controlled research study on reflexology and blood flow in patients with Type II Diabetes. Pre- and post-session, blood flow rate, time and acceleration were tested by Doppler ultrasonic equipment. Results showed that the blood flow improved for 20 patients receiving reflexology (there were 15 patients of normal health in the control group). This is a small sample however.

Migraine/Tension Headache
Brendstrup & Launse (1997) conducted a study in which 78 reflexologists treated 220 patients, the majority of whom had moderate to severe headache symptoms. Three months after completing a reflexology session, 65% of patients reported that reflexology helped with symptoms, 19% stopped taking headache medications, and 16% stated that reflexology was a "cure."

Testa (2000) conducted a blind, random trial, in which 32 patients with headaches were evaluated after a session with foot reflexology and at a 3-month follow-up. Results showed that foot reflexology was at least as effective as drug therapy (Flunarizin).

Kidney Function
Sudmeier et al. (1999) conducted a study with 32 healthy subjects. The blood flow of the three vessels of the kidney was measured before, during, and after foot reflexology using Doppler sonography. Results showed that organ-associate foot reflexology is effective in increasing renal blood flow during therapy (which helps the body transport nutrients to cells and remove wastes).

Pediatric Research
Gordon et al. (2010) compared the effectiveness of foot reflexology, foot massage, and regular treatment (control group) in children (1-12 years) with chronic idiopathic constipation over a 12-week period. The study design was a randomized control trial. The authors report that the reflexology group had the greatest increase in the number of bowel movements and the greatest reduction in constipation symptom scores. There were significant differences between reflexology and control groups; however, there was no significant difference between reflexology and massage for bowel frequency, and no significant difference between control and massage groups for bowel frequency or overall constipation symptom scores.

Physiological Research
Dr. Jesus Manzanares, a physician from Spain, has spent years studying the neurophysiological basis for reflexology. Dr. Manzanares' research has identified and biopsied deposits (which reflexologists have traditionally referred to as "crystals") that were located in reflex areas of the feet. These deposits are associated with pain, contain nervous fibers, and have different characteristics based upon their degree of acuity or chronicity (Manzanares, 2007). A brief overview of his unpublished work can be found at his website (www.manzanaresmethod.com).

Using thermographic pictures of the soles of the feet before and after reflexotherapy, along with similar pictures of the spinal column, Dr. Piquemal was able to show a change in the thermal pattern on the sole of the feet "that was reflected on the skin of the back for each of the five selected [cutaneous] zones" (2005). The importance of this research is that it ties reflexology work on the feet to blood flow of inner organs (lung, liver, stomach, pancreas, and small intestine), either through vasoconstriction or vasodilation via the autonomic nervous system. It appears that reflexology may be able to play a role in regulating blood flow disturbance, at least to these organs.

Postoperative Symptoms
From their research in India, Choudhary, Kumar, and Singh (2006) reported two groups who received interventions postoperatively. Group I received foot reflexology for 15-20 minutes at transfer to the Recovery Room, 2 hours postoperatively. Group II received conventional pain medication (NSAID and Opiods). The results were statistically significant at all four time intervals for the reflexology group showing a decrease in use of medication over the conventional group. A significant decrease in pain was also noted in the reflexology group at all time intervals. When the pain score was compared before and after treatment in the reflexology group, statistical significance was seen at 2 and 6 hours postoperatively.

Using two groups for comparison, Choudhary and Singh (n.d.) also added hand reflexology to conventional medications for nausea and vomiting postoperatively. They found a significant decrease in the group who had reflexology plus conventional medication.

Premenstrual Syndrome (PMS)
Oleson & Flocco (1993) conducted a randomized, controlled study with 35 women with 38 premenstrual symptoms. The women recorded their symptoms on a 4-point scale in a daily diary. Symptoms were recorded for two months before reflexology therapy, two months during, and two months after. Results showed that 46% of the women had improved symptoms (such as less anxiety, depression, fatigue, or difficulty sleeping) with reflexology alone.

Sinusitis
Healey et al. (2002) conducted a randomized, controlled study of 150 subjects examining reflexology for alleviation of chronic sinusitis. Participants who received reflexology therapy comprised the control group. The other two groups received nasal irrigation procedures. Results showed equal improvement in both groups.

In an article entitled "The Saline Solution?" Andrew Weil, MD, commented, "After two weeks of daily treatment, more than 70% of those practicing nasal douching reported improved symptoms. But surprisingly, the group that practiced reflexology massage - pressure to feet or hands, appeared to fare equally as well. The unexpected results for this technique may prompt further research."

Systematic Review

A systematic review of reflexology studies was conducted by Ernst, Posadzki, and Lee (2011) to summarize and critically evaluate the effectiveness of reflexology in the treatment of human conditions. Twenty-three RCTs met their inclusion criteria, with 8 suggesting that reflexology had beneficial effects, 14 showing no effectiveness, and one being equivocal. Ernst and colleagues stated that in general, the quality of the studies was poor. Some of their observations are listed below:

  • inadequate control for non-specific effects
  • small sample sizes
  • the range and primary outcome measures varied so much that it was difficult to compare
  • frequency and duration of sessions also varied tremendously, making comparison impossible
  • follow-up period also varied significantly, making conclusions difficult

The authors suggest that the distinction between reflexology as an alternative treatment and a medical treatment is not clear, and that the distinction should be more marked to avoid treatment errors and potential problems. They also recognize the strong bond that exists between many providers and their patients. They conclude by encouraging researchers to base future studies on the standards of the CONSORT (http://www.consort-statement.org/) for trial design and reporting.

Expert Contributor: 
Karen Teagarden, BA, ARCB

 

Che cosa  dice la ricerca sulla Reflessologia?

Gli studi di ricerca negli Stati Uniti e in tutto il mondo indicano benefici positivi di riflessologia per le varie condizioni. In particolare, vi sono diversi studi ben disegnati, finanziato dal National Cancer Institute e il National Institutes of Health, che indicano la promessa di riflessologia un intervento per ridurre il dolore e migliorare il rilassamento, sonno, e la riduzione dei sintomi psicologici, come ansia e depressione. Forse i risultati più positivi sono stati nel campo della palliazione del cancro (Ernst, Posadzki, & Lee, 2010).

Kunz e Kunz (2008) hanno sviluppato una sintesi di 168 studi di ricerca e abstract di riviste e incontri da tutto il mondo. Molti di questi studi provenivano in riviste peer-reviewed in Cina e Corea. Tutti gli studi avevano informazioni sulla frequenza e la durata dell'applicazione riflessologia.

Sulla base degli studi hanno esaminato, Kunz e Kunz hanno individuato quattro principali effetti che la riflessologia dimostra:

1.Reflexology ha un impatto su organi specifici (ad esempio, le letture fMRI ha dimostrato un aumento del flusso di sangue ai reni e agli intestini)
2.Reflexology può dimostrare un miglioramento dei sintomi (ad esempio, i cambiamenti positivi sono stati osservati nel funzionamento del rene con pazienti in dialisi)
3.Reflexoogy crea un effetto di rilassamento (ad esempio, EEG misura onde alfa e theta, la pressione sanguigna è stata ridotta, e l'ansia è stata abbassata)
Aiuti 4.Reflexology nella riduzione del dolore (27 studi ha dimostrato un risultato positivo per la riduzione del dolore, ad esempio, l'AIDS, dolore toracico, neuropatia periferica di diabete mellito, calcoli renali e artrosi)
Ecco alcuni esempi di ricerca che mostrano riflessologia per essere efficace per una vasta gamma di problemi di salute.

Ansia
Williamson et al (2002) ha trovato che sia riflessologia plantare e massaggio del piede ridotto l'ansia e la depressione nelle donne in postmenopausa. In aggiunta a questo studio, si vedano gli studi elencati sotto Cure Cancer.

Trattamento del cancro
Questi studi hanno dimostrato la riduzione del dolore, nausea, diarrea o costipazione, e la migliore qualità della vita con la riflessologia.

• In uno studio controllato con 87 pazienti, Hodgson (2000) ha trovato miglioramento del 100% nel gruppo di riflessologia in qualità di categorie di vita di apparenza, l'appetito, la respirazione, la comunicazione (con i medici, familiari, infermieri), la concentrazione, stipsi / diarrea, paura del futuro, l'isolamento, la mobilità, l'umore, nausea, dolore, sonno / stanchezza. Il gruppo placebo ha riportato un miglioramento del 67,6% in queste categorie.
• Stephenson et al. (2000) hanno condotto uno studio qualitativo in un ospedale su 24 pazienti trattati con riflessologia con cancro al seno e al polmone. I ricercatori hanno notato una "significativa riduzione del dolore" per i pazienti con cancro al seno. Mentre questo era un piccolo campione, il disegno di ricerca ben controllato ha dato risultati significativi.
• Milligan et al. (2002) esaminato l'impatto della riflessologia sulla qualità della vita dei pazienti affetti da cancro 20. Ha trovato la qualità della vita è migliorata attraverso una riduzione dei sintomi fisici ed emotivi. Si tratta di un piccolo campione però.
Kim, Lee, Kang, Choi, e Ernst (2010) ha esaminato uno studio clinico randomizzato (RCT) e tre studi clinici controllati randomizzati (CCT), gli unici studi su 60 studi potenziali per soddisfare i loro criteri di studi quantitativi controllati addebbitato fisico o conseguenze psicologiche. Gli studi hanno mostrato significativa riduzione del dolore, nausea / vomito, affaticamento e con riflessologia, e miglioramento del sonno e dell'umore. In breve, tutti e quattro gli studi hanno suggerito effetti benefici della riflessologia per le donne con cancro al seno. Il problema, secondo gli autori, è che i difetti negli studi compromettere la validità dei risultati. L'RCT è stato rigoroso, ma a causa del suo disegno dello studio, è stato "in grado di dimostrare specifici effetti terapeutici della riflessologia" (p. 329). Kim e colleghi sostengono che i risultati della TDC soffrono di bias di selezione.

Chiave per la comprensione di questi studi, e per l'interpretazione di tutti gli studi discussi in questa sezione, è che è terribilmente difficile da pianificare ed eseguire uno studio ben progettato che soddisfa tutti i parametri. Questi autori affermano che "i principali limiti degli studi inclusi sono stati campioni di piccole dimensioni, il controllo inadeguato per gli effetti non specifici, la mancanza di calcoli di potenza e breve follow-up o di periodi di trattamento" (p. 329). Dato che studi randomizzati sono il gold standard, accecando è sempre un problema. Inadeguata occultamento stanziamento accecante e inadeguati sono fattori che potrebbero contribuire ad un bias di selezione, portando ad effetti di trattamento avanzate. Gli autori suggeriscono anche che gli studi dovrebbero discutere gli effetti negativi del trattamento, anche se non ce ne sono. La loro conclusione finale, sulla base di questi quattro studi, è che non vi è "sufficiente evidenza per l'efficacia della riflessologia come trattamento sintomatico per il cancro al seno. Il rischio di bias nei dati primari che esiste è alta" (pp 329-330).

Sistema cardiovascolare
Frankel (1997) ha condotto uno studio pilota per identificare gli effetti della riflessologia e massaggio piede sulla fisiologia del corpo, misurando baroreceptor sensibilità del riflesso e il collegamento tra i piedini di pressione, nonché i barocettori del cuore (neuroni) di.

Risultati hanno mostrato che i sensori di pressione nei piedi sono collegate alla stessa parte del cervello come barorecettoriale riflesso. Questo piccolo studio in singolo cieco comprendeva 24 soggetti - 10 Riflessologia ricevuti, 10 ricevuti massaggio ai piedi, e 4 erano il controllo.

Diabete di tipo II
Ying (1998) ha condotto uno studio di ricerca controllato sulla riflessologia e il flusso di sangue nei pazienti con diabete di tipo II. Pre-e post-sessione, velocità di flusso sanguigno, il tempo e l'accelerazione sono stati testati con apparecchiature ad ultrasuoni Doppler. I risultati hanno mostrato che il flusso di sangue migliorata per i 20 pazienti trattati con riflessologia (c'erano 15 pazienti di salute normale nel gruppo di controllo). Si tratta di un piccolo campione però.

Emicrania / cefalea tensiva
Brendstrup & Launse (1997) hanno condotto uno studio in cui 78 reflexologists trattati 220 pazienti, la maggior parte dei quali avevano da moderati a gravi sintomi di mal di testa. Tre mesi dopo aver completato una sessione di riflessologia, il 65% dei pazienti ha riferito che la riflessologia ha aiutato con i sintomi, il 19% ha smesso di prendere farmaci mal di testa, e il 16% ha dichiarato che la riflessologia è una "cura".

Testa (2000) ha condotto uno, prova a caso cieco, nel quale 32 pazienti con mal di testa sono stati valutati dopo una sessione di riflessologia del piede e ad un 3 mesi di follow-up. I risultati hanno mostrato che la riflessologia plantare è stato almeno efficace quanto la terapia farmacologica (Flunarizin).

Funzione renale
Sudmeier et al. (1999) hanno condotto uno studio con 32 soggetti sani. Il flusso di sangue dei tre vasi del rene è stata misurata prima, durante e dopo la riflessologia plantare utilizzando Doppler. I risultati hanno mostrato che organo-associato di riflessologia plantare è efficace per aumentare il flusso sanguigno renale durante la terapia (che aiuta i nutrienti di trasporto del corpo per le cellule e rimuovere i rifiuti).

Ricerca Pediatrica
Gordon et al. (2010) ha confrontato l'efficacia della riflessologia plantare, massaggio ai piedi, e regolare il trattamento (gruppo di controllo) nei bambini (1-12 anni) con costipazione idiopatica cronica nel corso di un periodo di 12 settimane. Il disegno dello studio era un trial randomizzato di controllo. Gli autori riferiscono che il gruppo di riflessologia ha avuto il maggiore incremento del numero di movimenti intestinali e la maggiore riduzione del punteggio dei sintomi di costipazione. Ci sono state differenze significative tra riflessologia e gruppi di controllo, tuttavia, non vi era alcuna differenza significativa tra riflessologia plantare e massaggio per la frequenza delle viscere, e nessuna differenza significativa tra i gruppi di controllo e di massaggio per frequenza intestinale o complessivi punteggi dei sintomi di costipazione.

Ricerca fisiologica
Dr. Jesus Manzanares, un medico dalla Spagna, ha trascorso anni a studiare la base neurofisiologica per la riflessologia. Ricerca Dr. Manzanares 'ha identificato e biopsia depositi (che reflexologists hanno tradizionalmente denominato "cristalli") che si trovavano nelle zone riflesse dei piedi. Questi depositi sono associati a dolore, contengono fibre nervose, e hanno caratteristiche diverse in base al loro grado di acutezza o cronicità (Manzanares, 2007). Una breve panoramica del suo lavoro inedito può essere trovato presso il suo sito web (www.manzanaresmethod.com).

L'importanza di questa ricerca è che unisce il lavoro riflessologia sui piedi per il flusso di sangue degli organi interni (polmone, fegato, stomaco, pancreas e intestino tenue), sia attraverso vasocostrizione o vasodilatazione attraverso il sistema nervoso autonomo. Sembra che riflessologia può essere in grado di svolgere un ruolo nella regolazione disturbo del flusso sanguigno, almeno a questi organi.

I sintomi postoperatori
Dalla loro ricerca in India, Choudhary, Kumar, e Singh (2006) hanno riportato due gruppi che hanno ricevuto interventi dopo l'intervento. Gruppo Ho ricevuto riflessologia plantare per 15-20 minuti al trasferimento al Recovery Room, due ore dopo l'intervento. Gruppo II ha ricevuto farmaci antidolorifici convenzionali (FANS e Oppioidi). I risultati erano statisticamente significativa a tutti quattro intervalli di tempo per il gruppo riflessologia mostrando una diminuzione uso di farmaci sopra il gruppo convenzionale. Una significativa diminuzione del dolore è stato anche osservato nel gruppo riflessologia a tutti gli intervalli di tempo. Quando il punteggio del dolore è stato confrontato prima e dopo il trattamento nel gruppo di riflessologia, la significatività statistica è stato visto a 2 e 6 ore dopo l'intervento.

Usando due gruppi di confronto, Choudhary e Singh (nd) anche aggiunto riflessologia mano ai farmaci convenzionali per la nausea e il vomito postoperatorio. Hanno trovato una diminuzione significativa nel gruppo che aveva riflessologia più farmaci convenzionali.

Sindrome premestruale (PMS)
Oleson & Flocco (1993) hanno condotto uno studio controllato, randomizzato, con 35 donne con 38 sintomi premestruali. Le donne hanno registrato i loro sintomi su una scala di 4 punti in un diario giornaliero. I sintomi sono stati registrati per i due mesi prima della terapia di riflessologia, due mesi durante, e due mesi dopo. I risultati hanno mostrato che il 46% delle donne ha avuto un miglioramento dei sintomi (ad esempio meno ansia, depressione, stanchezza, difficoltà di dormire o) con riflessologia solo.

Sinusite
Healey et al. (2002) hanno condotto uno studio randomizzato, controllato di 150 soggetti esame riflessologia per alleviare la sinusite cronica. I partecipanti che hanno ricevuto la terapia riflessologia compreso il gruppo di controllo. Gli altri due gruppi hanno ricevuto le procedure di irrigazione nasale. Risultati hanno mostrato un miglioramento uguale in entrambi i gruppi.

In un articolo intitolato "La soluzione salina?"

Systematic Review

Una revisione sistematica di studi di riflessologia è stata condotta da Ernst, Posadzki, e Lee (2011) di riassumere e valutare criticamente l'efficacia della riflessologia per il trattamento di condizioni umane. Ventitré studi randomizzati hanno incontrato i loro criteri di inclusione, con 8 suggerendo che la riflessologia ha avuto effetti benefici, 14 mostrano alcuna efficacia, e uno è equivoca. Ernst e colleghi hanno dichiarato che, in generale, la qualità degli studi era scarsa. Alcune delle loro osservazioni sono elencati di seguito:

• controllo inadeguato per gli effetti non specifici
• campioni di piccole dimensioni
• la gamma e misure di esito primarie varia così tanto che era difficile da confrontare
• frequenza e durata delle sessioni anche variavano enormemente, rendendo impossibile confronto
• follow-up anche variato sensibilmente, rendendo difficile conclusioni
Gli autori suggeriscono che la distinzione tra riflessologia come un trattamento alternativo e un trattamento medico non è chiaro, e che la distinzione dovrebbe essere più marcato per evitare gli errori di trattamento e potenziali problemi. Riconoscono inoltre il forte legame che esiste tra molti fornitori ed i loro pazienti. Essi concludono incoraggiando i ricercatori a basare gli studi futuri sulle norme del CONSORT (http://www.consort-statement.org/) per la progettazione di test e reporting.

+ Riferimenti
Brendstrup, E & Launse, L. (1997). Mal di testa e trattamento riflessologico. Il Consiglio, concernente il trattamento alternativo, il Consiglio nazionale della sanità, in Danimarca.
Choudhary, S., Kumar, G., & Singh, K. (primavera 2006). Riflessologia riduce l'esigenza e la quantità di antidolorifici dopo l'intervento chirurgico generale. Riflessologia Across America. Estratto da Riflessologia Associazione di sito web America: http://www.reflexology-usa.org/assets/dr_shweta_research_study.pdf.
Choudhary, S. & Singh, T. (n.d.). Efficacia della riflessologia nella prevenzione del post-operatorio nausea vomito. Estratto da Riflessologia Associazione di sito web America: http://www.reflexology-usa.org/assets/Dr_Shewta_Research_Post_Operative_Nausea.pdf.
Ernst, E., Posadzki, P., & Lee, M. (2011). Riflessologia: Un aggiornamento di una revisione sistematica di studi clinici randomizzati. Maturitas 68, 116-120. Estratto da http://www.elsevier.com/locate/maturitas.
Gordon, J., Alder, E., Matthews-Smith, G., Hendry, I., & Wilson, D. (novembre 2010). L'efficacia della riflessologia in aggiunta al trattamento nell'infanzia costipazione idiopatica: una singola linea studio randomizzato controllato (Il Progetto SOCC). Documento presentato da Amy Kreydin alla Riflessologia Associaton del Canada Conference, Winnipeg, British Columbia.
Healey, D, et al. (2002). Irrigazione nasale per l'alleviamento dei sintomi NASOSINUSALE. Presentato 25 settembre presso l'Accademia Americana di Otorinolaringoiatria.
Frankel, B.S.M. (1997). L'effetto della riflessologia sui barocettori sensibilità del riflesso, della pressione arteriosa e aritmia sinusale, Complementary Therapies in Medicine, 5, 80-84.
Hodgson, H. (2000).
Kim, JI., Lee, M., Kang, J., Choi, D., & Ernst, E. (2010). Reflexology per il trattamento sintomatico di cancro al seno: una revisione sistematica. Integrative Cancer Therapies, 9. 326-330. doi: 10.1177/1534735410387423.
Kim M.S. et al. (2001). Effetti del massaggio alle mani su ansia nella chirurgia della cataratta in anestesia locale. J Cataract Refract Surg, 27 (6) :884-90.
Kunz, B. & Kunz, K. (2008). Riflessologia Evidence-Based per i professionisti sanitari e ricercatori: La serie di Ricerca Riflessologia. Questo libro può essere acquistato da http://www.reflexology-research.com/researchforresearchers.html.
Manzanares, J. (settembre 2007). La scienza dietro i depositi di riflessologia. Paper presentato al Consiglio Internazionale di Reflexologists, Anaheim, California. Estratto da Riflessologia Associazione di sito web America: http://www.reflexology-usa.org/articles/manzanares_research_biopsy.pdf.
Milligan, M. et al. (2002). Int. J. Oalliat Nurs, 8 (10), 489-96.
Oleson, T & Flocco, W. (1993). Studio randomizzato controllato di sintomi premestruali trattato con l'orecchio, la mano, e la riflessologia plantare. Ostetricia e Ginecologia, 82 (6), 906-11.
Piquemal, M. (settembre 2005). Effetto globale di riflessologia sul flusso sanguigno. Paper presentato al Consiglio Internazionale di Reflexologists, Amsterdam e riassunta da Christine Issel per l'ICR Newsletter (Vol. 15, No. 1, Marzo 2006, pp 18-19), ristampato presso l'Associazione Riflessologia del sito America: http:// www.reflexology-usa.org/assets/Piquemal_Article.pdf.
Rahbar, M., Wyatt, G., Sikorskii, A., Victorson, D., & Ardjomand-Hessabi, M. (2011, in corso di stampa). Coordinamento e gestione di multisito medicina complementare e alternativa (CAM) terapie: L'esperienza di una prova di intervento riflessologia multisito, Contemporary Clinical Trials. doi: 10.1016/j.cct.2011.05.015.
Sikorskii, A., Wyatt, G., Victorson, D., Faulkner, G., & Rahbar, M. (2009). Questioni metodologiche negli studi di interventi di medicina complementare e alternativa, Nursing Research 58 (6), 444-451. Estratto da http://www.nursing-research-editor.com.
Stephenson, N.L. et al. (2000). Gli effetti della riflessologia plantare su ansia e il dolore nei pazienti con cancro della mammella e del polmone. Forum Oncology Nursing, 27 (1), 67-72.
Sudmeier, I., et al. (1999). Anderund der nierendurchblutung durch organassozilerte reflexzontherapie am fuss gemussen mit farbkodierter Doppler-sonograhpie. Universitätsklinik fur Innere Medizin, Inssbruk, Austria. Forsch Komplementarmed, 6 (3), 129-34.
Testa, G.W. (2000). Uno studio sugli effetti della riflessologia sui emicrania. Consultato il 24 maggio 2007, dalle http://members.tripod.com/GTesta/Dissertationall.htm.
Ying, Ma.. (1998). L'osservazione clinica ha dimostrato l'influenza sul flusso di sangue arterioso degli arti inferiori di 20 casi con tipo II diabete mellito trattati con riflessologia plantare. Cina Riflessologia Simposio rapporto, la Cina Riflessologia Association, Pechino, 97-99.
Weil, A. (gennaio, 2002). La soluzione salina? Self Healing, pag 2.
Williamson et al (2002). Studio clinico controllato di riflessologia per i sintomi della menopausa. BJOG An International Journal di Ostetricia e Ginecologia, 109 (9), p 1050-1055.
Wyatt, G., Sikorskii, A., Bush, R., & Mukherjee, R. (2010). Squadra scienza infermieristica, ingegneria, statistica, e praticante nello sviluppo di un dispositivo robotico riflessologia, Giornale della Società di Oncologia Integrativa, 8 (1) ,14-19. doi: 10.2310/7200.2009.0017
Wyatt, G., Sikorskii, A., Rahbar, M., Victorson, D., & Adams, L. (2010). Intervento Fidelity: Aspetti
di ricerca medicina complementare e alternativa, Cancer Nursing, 33 (5), 331-342. doi: 10.1097/NCC.0b013e3181d0b4b7
 

Esperto Collaboratore: Karen Teagarden, BA, ARCB
Inviato da: Donna L. Morris, DrPH, CNM, NBCR